martedì 2 luglio 2013

5 giugno 2013

Avevo scritto questo post ma era rimasto una bozza
oggi lo pubblico perchè desidero condividere questa grandissima emozione 



E' passato quasi un mese dalla mio ultimo post.
Non perchè non avessi nulla da condividere.
In ogni momento della mia giornata infatti c'è qualcosa che sarebbe ottimo materiale per un post...
ma gli impegni sono tanti e in questo periodo ho la mia mamma novantenne che assorbe la maggior parte della giornata,
per non parlare del giardino che dopo tutti quei giorni di pioggia e freddo si meritava un po' di attenzione per darci qualche regalo.
Quando arriva la sera arranco verso il divano e ci piombo sopra pesantemente e immediatamente scivolo nelle braccia di Morfeo anche se ancora mi resta la preparazione della mamma per la notte che richiede un ultimo sforzo ogni sera sempre più difficile.
Ma non voglio sembrare una che si lamenta...
Del resto è una fortuna che la mia veneranda vecchietta sia ancora qui e anche se nei momenti più difficili è facile farsi prendere dallo sconforto,anche questa è una tappa importante della vita che ci regala attimi di serenità e gioia.
Il 3 giugno sono stata allo stadio di San Siro al concerto di Bruce Springteen.
Per la verità non è un mio idolo,il vero appassionato è Vito, mio marito.
Era tanto tempo che desiderava vedere un concerto del Boss, pur avendolo già visto diverse volte in passato,ma ultimamente tutte le volte precedenti che era stato a Milano c'era sempre stato qualche contrattempo.
Io non ero particolarmente entusiasta di andarci anche perchè non conosco molto bene il repertorio, inoltre non avevamo nemmeno i biglietti...
Quindi sono arrivata lì convinta che saremmo ritornati a casa,io arrivavo da casa e Vito dal lavoro, ci siamo incontrati sul piazzale dello stadio.
Non appena sono incominciate le prime note e le urla della folla delirante ho capito che non sarei potuta tornare a casa senza partecipare a quell'evento grandioso.
Però i biglietti non c'erano e tantissima gente era rimasta fuori e ne era in cerca,quindi i bagarini chiedevano cifre assurde.
Infine come per magia il botteghino ha riaperto e siamo riusciti ad acquistare i nostri due biglietti e siamo entrati...
CHE EMOZIONE!!!!
Io che da brava milanese allo stadio
 ci sono stata solo una volta per un concerto di Ligabue non mi ricordavo più che effetto potesse fare vedere quelle gradinate pienissime fino in cima,genitori, figli,nonni e nipotini tutti che si muovevano al ritmo di quelle note che non potevano lasciare nessuno insensibile.

E sul palco che noi vedevamo piccolissimo dalla nostra postazione prato,
 un uomo di 64 anni che si è regalato completamente al suo pubblico,anima e corpo senza risparmiare nulla , un'energia enorme trasmessa per tre ore e mezzo senza un minuto di pausa nemmeno per riprendere fiato...
Che lezione mi ha dato.
io che non lo conoscevo e che non sapevo nemmeno le canzoni ho urlato cantato e ballato insieme a tutti quelli che mi circondavano portandomi a casa nuova linfa per affrontare la vita di tutti i giorni che a volte ci sembra faticosa ma che merita di essere vissuta così
 sempre al massimo!!!!
a presto
Violetta

7 commenti:

  1. Carissima,il tuo post mi ha commossa!Hai un bel modo di raccontare le cose e di esprimere sentimenti ed emozioni!Grazie di questa opportunità,hai portato anche noi allo stadio!Questa magia ti serviva!La vita è piena di fatiche fisiche e di pensieri,ansie ma è sempre la nostra vita,dobbiamo viverla!Bacioni,Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosetta sono contenta di averti toccata
      scusa se da un po' non passo da te..
      Vedrai che in pochi giorni recupererò il tempo perso
      Grazie anche di esserci sempre!!!
      un bacione

      Elimina
  2. Chissà che bello il concerto..
    Ti faccio tanti in bocca al lupo per la tua mamma.. ti capisco sai..
    Un abbraccio grande..

    RispondiElimina
  3. Buongiorno,
    Ti contatto tramite commento perché non ho trovato altro modo per farlo.
    Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano interessanti per i lettori del nostro magazine e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti,

    Silvia

    silvia [at] paperblog.com
    Responsabile Comunicazione Paperblog Italia
    http://it.paperblog.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia grazie per esserti fermata sul mio blog,
      certo le cose che mi dici mi lusingano,
      mi hai sicuramente incuriosito e vengo a fare un giretto su paperblog.
      In alto proprio sotto l'intestazione del blog
      c'è il mio biglietto da visita
      con l'indirizzo mail e il numero di telefono,se avrai bisogno di contattarmi ulteriormente
      un saluto

      Elimina
  4. Un'esperienza arricchente che ti ha lasciato più viva. Brava, hai fatto bene a condividerla con noi. Ely

    RispondiElimina
  5. io non sono una che ama i luoghi super affollati,come uno stadio o un concerto.
    mi rendo conto che delle manifestazioni,devono essere viste dal vivo,perchè non c'è paragone.
    Un'emozione grande la tua
    Lu

    RispondiElimina

Grazie di aver avuto la pazienza di arrivare fino a qui
Il vostro commento mi renderà felice